lunedì 9 giugno 2014

Maritozzi con la panna


Soffici, leggeri e profumati.
Questi sono i tre aggettivi che mi vengono in mente a proposito dei maritozzi di cui vi parlo oggi.
Li ho realizzati alcuni giorni fa perchè, come ormai saprete, mi piace preparare sempre qualcosa di speciale per la colazione che resta il mio pasto preferito.
Per realizzarli ho proceduto in base al mio lievito, in base ai miei tempi, agli ingredienti che volevo utilizzare....insomma, penso che i lievitati si possano gestire in base ai nostri gusti e alle nostre necessità e che non esistano regole ferree e troppo vincolanti.
Impossibile che io mi svegli all'alba per infornare una brioche che altrimenti potrebbe andare oltre il tempo di lievitazione: riducendo il lievito e facendola lievitare in frigo riesco a gestire i tempi come mi torna comodo.


Molte ricette di maritozzi prevedono l'aggiunta di pinoli e uvetta, anzi quelli tradizionali dovrebbero essere proprio così: ma a me non è mai capitato di mangiare maritozzi di questo tipo, ho sempre trovato nei bar e nelle pasticcerie quelli con la panna e proprio così ho voluto rifarli.


Maritozzi con la panna
Ingredienti

per il lievitino
60 g di lievito madre
80 g di acqua a temperatura ambiente
100 g di farina manitoba

per l'impasto
il lievitino
450 g di farina manitoba
120 g di latte
100 g di zucchero
100 g di burro
80 g di acqua
1 uovo + 1 tuorlo
1 cucchiaio da tè di miele d'acacia
i semini di 1/2 bacca di vaniglia
la scorza grattugiata di 1/2 arancia e 1/2 limone
1 pizzico di sale

per rifinire
1 albume
sciroppo di acqua e zucchero (50 g di acqua + 80 g di zucchero)
panna montata


Procedimento
12 ore prima dell'impasto realizziamo il lievitino mescolando acqua, farina e lievito madre; copriamo con pellicola per alimenti e lasciamo raddoppiare. Insieme al lievitino possiamo realizzare anche lo sciroppo che utilizzeremo per rifinire i maritozzi e che dovrà raffreddare: facciamo bollire acqua e zucchero fino a quando avremo ottenuto una consistenza sciropposa. 
Mescoliamo anche il cucchiaio di miele con gli aromi e lasciamo insaporire fino al momento dell'utilizzo.
Realizziamo l'impasto: in una ciotola raccogliamo la farina, tranne qualche cucchiaio che potrà servirci per incordare l'impasto man mano che aggiungeremo gli altri ingredienti.
Uniamo il lievitino e metà dello zucchero, l'uovo intero, incordiamo e aggiungiamo l'altro zucchero. Aggiungiamo il miele con gli aromi, il tuorlo e gradualmente la farina tenuta da parte. Lasciamo come ultimi ingredienti da inserire il burro morbido diviso in 4 parti e il sale. Incordiamo l'impasto ripiegandolo ripetutamente sul piano da lavoro fino a che si stacchi completamente dalla superficie. Riponiamo in una ciotola coperta da pellicola e lasciamo lievitare: io ho riposto in frigo per avere una lievitazione lenta fino al giorno successivo. Poi ho riportato l'impasto a temperatura ambiente prima di procedere alla formazione dei maritozzi. Voi potete anche scegliere di far lievitare a temperatura ambiente o in luogo tiepido a seconda dei vostri tempi.
Dividiamo l'impasto in tante palline da 75 g l'una, le compattiamo chiudendole verso il basso, le copriamo con un panno umido e le lasciamo riposare 30 minuti. A questo punto schiacciamo le palline, formaimo dei rotolini e diamo ai maritozzi forma tonda o allungata a seconda di come preferiamo. Lasciamo lievitare ancora 1 ora e spennelliamo con l'albume prima di infornare. Inforniamo a 180° per 15/20 minuti e appena sfornati spennelliamo i maritozzi con lo sciroppo.
Lasciamo raffreddare e farciamo di panna montata.


28 commenti :

  1. Ti dico solo che son nata a Roma.....meravigliosi!!!!

    RispondiElimina
  2. Questa è una visione celestiale....e non aggiungo altro :)
    Un abbraccio !

    RispondiElimina
  3. Voglio fare colazione di nuovo, adesso!!
    Sei straordinaria tu..e lo dimostri SEMPRE <3
    Un bacione grandissimo Manu :**

    RispondiElimina
  4. Mamma mia che buoniiii.. da provare sicuramente sono super invitanti!!
    baciiii e buona settimana :* :*

    RispondiElimina
  5. Sono straordinari... bravissima!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. ti son venuti un amore complimenti!!! se non fosse cosi caldo mi ci metterei!

    RispondiElimina
  7. Profumo d’infanzia con i maritozzi :) li ho sempre mangiati profumati all’anice, mi intriga la tua versione agrumata e fresca. Un bacio, buona settimana

    RispondiElimina
  8. ...................so svenuta ^__^

    RispondiElimina
  9. apperò!!! cosine poco buone... ;-))) bravissima.. son stupendi!

    RispondiElimina
  10. Ciao Ema!!! adroo i maritozzi :)
    E questi devono essere buonissimi....con prefermento e poco lievito madre ...bravissima!
    Grazie per la ricetta, un bacione :*

    RispondiElimina
  11. Caspita ... sono senza parole! Le foto fra l'altro ogni volta acquistano una luce e un occhio notevoli. Complimentissimi.
    La ricetta è meravigliosa e poi d'altronde ci sarà un motivo per il quale il mio maritino lo chiamo maritozzo ... <3
    Bacioni mia cara e ancora grandi complimenti

    RispondiElimina
  12. Oddio il maritozzo nooooo!!!!!!!!!!!!! Che goduriaaaaaaaaaaaa!!!!!!! :-D

    RispondiElimina
  13. Sbavvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvv questi maritozzi rilasciano profumo attraverso il monitor! A presto LA

    RispondiElimina
  14. Con questi renderesti ricattabili per sempre sia me che la mia mamma :)))
    Li adoriamo, e dico io, come fare il contrario?!?
    Buonissimi tesoro, ti sono riusciti a meraviglia <3

    RispondiElimina
  15. mamma mai che meraviglia che ti son venuti!!!! sei bravissima ora ne sono piu' convinta.Buon abbraccio Tittina

    RispondiElimina
  16. Che bontà! Quanti ricordi!
    Ti sono venuti benissimo.

    RispondiElimina
  17. LIndos e com um aspecto super delicioso
    Bjs

    RispondiElimina
  18. Sono stupendi, li vedrei in una vetrina!! Se le colazioni che prepari sono sempre così, posso autoinvitarmi a casa tua? :P

    RispondiElimina
  19. Mamma mia cosa devono essere questi maritozzi. Davvero irresistibili, fortuna che li posso vedere solo su uno schermo perchè se me li trovassi di fronte me li mangerei tutti

    RispondiElimina
  20. Proprio ieri parlavamo dei maritozzi in casa! :-) Io li preferisco senza panna (lo so non si potrebbero chiamare maritozzi ;)) ma non so come faccio a resistere! Ecco ora uno dei tuoi maritozzi lo mangerei con tutta la panna :D

    RispondiElimina
  21. Ma quanto ti sono venuti belli! Ma sai che io a Roma non sono mai riuscita di mangiarne di buoni? I tuoi sono a dir poco goduriosi!
    Buona settimana
    Enrica

    RispondiElimina
  22. wowww!!! che gola!! mi sono persa un po' di ricette particolari!!!! complimenti! ciao!

    RispondiElimina
  23. fa caldo e il maritozzo mi saprebbe più di stagione fresca ma.........a vederli li, così sofficie perfetti...............................quasi quasi allungo la mano e ne agguanto uno ! Baci

    RispondiElimina
  24. E si vede tutta la morbideza e la bontà tesoro, ti assicuro. Bravissima. Anche io mi aiuto molto con il frigo, non bisogna essere schiavi dei nostri lieviti ma al contrario, farceli amici. ;)

    RispondiElimina
  25. Emanuela, come sempre mi fai venire l'acquolina in bocca! Questi maritozzi sono meravigliosi e mi ricordano i miei trascorsi da studentessa, quando con le mie compagne andavamo a comprarci i maritozzi con la panna...bei tempi! Un abbraccio forte forte carissima e a presto, Mary

    RispondiElimina
  26. che bella versione Emanuela, adesso per colazione ne mangerei volentieri uno ! Un bacione

    RispondiElimina
  27. Meraviglia!!! hai proprio ragione, il nostro lievito va addomesticato e domato :)

    RispondiElimina