martedì 3 giugno 2014

Una torta salata molto rustica


Quando al mercato mi capita di trovare le verdure selvatiche, difficilmente resisto! 
Che si tratti di rucola, di cicoria o altro sicuramente finisce sulla mia tavola!
Ora però sarebbe necessario che qualche esperta/o mi illumini sul nome italiano di queste erbe selvatiche che ho trovato alcune domeniche fa sul banchetto dove di solito faccio con piacere la spesa proprio perchè so che i proprietari, oltre a vendere verdure da loro coltivate, raccolgono anche erbe spontanee.
Conosco il nome in dialetto che risulta difficile anche per me e ve lo risparmio; oppure la signora che me le ha vendute ha parlato di misticanza...ma a me non sembrano poi tanto miste queste erbette! :)


Insieme alla pancetta dolce e alla scamorza hanno costituito il ripieno di una torta rustica che più rustica non si può!
La pasta è una delle mie preferite tra quelle che non prevedono il lievito madre, bensì il lievito istantaneo.
L'avevo utilizzata già qui e qui, ma in questo caso ho sostituito il vino con la birra: ottima risultato. Per tutto il resto potete leggere ricetta ai link indicati.

Mi dispiace solo di essere arrivata troppo tardi per poter mettere questo rustico nel cestino da picnic di Alice.


Per quanto riguarda il ripieno....ho lavato, scelto e sbollentato 500 g di verdure spontanee e le ho insaporite in una padella dove avevo precedentemente rosolato la pancetta (50 g a cubetti) nell'olio d'oliva per pochi minuti con uno spicchio d'aglio intero (da togliere). Ho amalgamato le verdure con 2 uova sbattute, 3 cucchiai di Parmigiano grattugiato, ho aggiustato di sale e di pepe e aggiunto la scamorza a cubetti: con  questo composto ho farcito la torta rustica.


28 commenti :

  1. ANCHE IO ADORO LE ERBE SPONTANEE, SONO COSI SAPORITE! UN INCANTO!!!

    RispondiElimina
  2. Mi piacciono le torte rustiche, anche molto rustiche =)
    Bravissima

    RispondiElimina
  3. Buonissima!!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Buonissime le erbette selvatiche, hanno davvero un gusto che non ha pari!
    Sulle torte salate poi mi conquisti sempre, mi piacciono da quando ero bambina e resteranno sempre uno dei miei amori in tavola :)
    Ti abbraccio fortissimo tresor!

    RispondiElimina
  5. Ma dai,in dialetto come le chiami?...mi piace così tanto conoscere nuovi termini ;)!sai che noi napoletani,in questo siamo imbattibili...Tesoro non conosco il nome di questa erbetta,ma neanche a me sembra poi così mista...cmq ha dato un risultato eccellente a quanto vedo!Ora son curiosa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In dialetto le chiamano "cascigni"....o qualcosa del genere... :)
      Un abbraccio Damiana e grazie! <3

      Elimina
  6. adoro le erbe spontanee...non hanno nulla a che vedere con quelle che si acquistano al supermercato...ottima la tua proposta!
    ti abbraccio

    RispondiElimina
  7. Troppo buona, non saprei dirti come si chiamano le erbe perchè noi di città siamo poco preparati ma ti dico che una fetta me la mangerei all'istante! baci

    RispondiElimina
  8. Me lo sogno quel bel cesto di verdure spontanee insieme ad un bel trancio della tua gustosissima torta salata. Un bacio, buona settimana

    RispondiElimina
  9. Deliziosa! Immagino il gusto di queste verdure così insaporite in padella e il guscio rustico è la cornice, quella che migliore di così non si poteva scegliere! Che fame mi hai fatto venire Emanuela!!!
    un bacione grandissimo e specialissimo

    RispondiElimina
  10. Che bontà deliziosissima...

    RispondiElimina
  11. Mamma mia che buona. La misticanza anche a me piace tanto, fa tanto roba genuina e fresca :)

    RispondiElimina
  12. Ciao mi chiamo Arianna ti seguo da poco e ti faccio i miei complimenti per le tue belle ricette! Scusa, non è per caso tarassaco la verdura del cestino?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Arianna!
      Forse hai ragione...ho cercato in rete il tarassaco e le foglie si presentano frastagliate come alcune presenti nel cestino...e forse è vero anche che sono erbe miste e varie! :)
      Un bacio e grazie per i complimenti!

      Elimina
  13. L'aspetto dice tutto. E' una torta favolosa.
    :-)

    RispondiElimina
  14. Hai fatto fare una degna fine a queste verdure così fresche, questo rustico è favoloso... brava!!!
    Bacioni...

    RispondiElimina
  15. Meravigliosa questa torta salata, rustica e buonissima. Io sarò brava ma anche tu non scherzi tesoro. Un bacio

    RispondiElimina
  16. Ficou uma torta linda e tem um recheio tão bom!!
    bj

    RispondiElimina
  17. Mi piace molto la pasta: prendo nota e utilizzo di sicuro perchè a casa mia le torte salate sono molto gradite!
    Claudette

    RispondiElimina
  18. Le erbe sembrano la borragine, solo più grande...ma qualunque cosa sia Emanuela, sei riuscita a farne una delizia! Mi piace tantissimo la tua torta salata rustica, molto rustica!! Un bacione, Mary

    RispondiElimina
  19. Accidenti che buona questa torta rustica! Tutta da provare, sia per la base semplice e diversa, sia per il ripieno gustoso e filante.
    bacioni

    RispondiElimina
  20. Deliziosa questa torta rustica!! :) Bella e buona!
    Un abbraccio!
    Ila

    RispondiElimina
  21. Deve essere buona. Peccato non conosco quella verdura.

    RispondiElimina
  22. in questo caso rusticità sta per buono e genuino

    RispondiElimina