lunedì 10 ottobre 2011

Cavatelli con guanciale croccante e scaglie di pecorino su vellutata di cannellini al pepe verde


"Ma quand'è che sul blog pubblichi una bella carbonara?"....mi ha chiesto l'altro giorno mio marito con fare quasi supplichevole.
La supplica naturalmente non ha origine dal desiderio di arricchire il blog di piatti gustosissimi, ma dal malcelato interesse personalissimo di chi prova molta più soddisfazione di fronte ad un piatto di pasta con sugo robusto piuttosto che al cospetto di una pur elegante vellutata o di un salutistico flan di scarola !
Poichè io sono molto più portata a cucinare verdure, anche come condimento per la pasta, "lui" ormai si gioca la carta del blog per ottenere qualche piattino che gli piaccia di più!
Alla fine l'ha spuntata solo in parte, perchè io avevo già messo in ammollo i cannellini pensando di farne una minestra con della pasta fatta in casa. Per andare incontro anche ai suoi gusti il piatto è stato rimodulato nella formula che vedete e devo dire che è piaciuto molto ad entrambi.

Cavatelli con guanciale croccante e scaglie di pecorino su vellutata di cannellini al pepe verde

Ingredienti per 2 persone

per i cavatelli
200 g di semola di grano
110 g di acqua tiepida
sale

per il condimento
300 g di guanciale
2 cucchiai d'olio
1 spicchio d'aglio
1 pezzetto di peperoncino piccante
1 rametto di rosmarino
pepe verde
pecorino romano

per la vellutata
100 g di fagioli cannellini
sale 
pepe verde (bacche intere)
olio



Procedimento
La sera prima mettiamo in ammollo i cannellini e, se riusciamo, cambiamo l'acqua almeno due o tre volte per eliminare le impurità che rendono i fagioli poco digeribili.
La mattina successiva li lessiamo partendo da acqua fredda. Facciamo sobbollire fino a cottura, aggiungendo eventualmente acqua bollente, se dovesse essere necessaria.
Frulliamo i fagioli da caldi, con sale "quanto basta" ed acqua di cottura necessaria per conferire una consistenza vellutata.
Prepariamo i cavatelli disponendo sul piano da lavoro la semola, un pizzico di sale e acqua tiepida. A me di solito suno sufficienti circa 110 g di acqua per 200 g di semola. L'impasto deve essere compatto e sodo, ma ben lavorabile, quindi dovete regolarvi anche un po' in base alla vostra semola, che non assorbe sempre lo stesso quantitativo di liquido.
Dopo aver assemblato gli ingredienti e averli lavorati bene, ricaviamo dei filoncini di impasto, come se dovessimo fare degli gnocchetti, sottili e un po' più lunghi del solito e li scaviamo con tre dita, incidendoli il più possibile, naturalmente senza bucarli!
Manteniamo coperto tra due piatti l'impasto in attesa di lavorazione, così da non farlo asciugare, prendendolo man mano che ci serve.
Possiamo decidere noi il formato dei cavatelli, che possono essere più sottili e lunghi, o viceversa più corti e un po' più spessi.
Ora lasciamo asciugare i cavatelli su una tavola di legno e nel frattempo ci dedichiamo a tagliare a listarelle il guanciale e a rosolarlo in padella con olio evo e con lo spicchio d'aglio e il rametto di rosmarino che poi elimineremo. Aggiungiamo anche un po' di peperoncino e lasciamo che il grasso del guanciale diventi trasparente: deve risultare croccantino!
Spegniamo senza coprire completamente il tegame, per evitare la formazione di vapore (ridurrebbe la croccantezza del guanciale!).
Possiamo ora lessare i cavatelli in abbondante acqua salata per pochi minuti: nel momento in cui la pasta viene a galla verifichiamo il grado di cottura e ci regoliamo!
Se al dente, la scoliamo e la ripassiamo velocemente in padella col guanciale, aggiungendo in caso qualche cucchiaio d'acqua di cottura che avremo tenuto da parte.
Pepiamo abbondantemente e impiattiamo, affiancando i cavatelli con un po' della vellutata a cui aggiungeremo le bacche di pepe, parte intere e parte macinate (io le ho pestate al mortaio) e un filo d'olio a crudo. Completiamo con pecorino in scaglie.

Note
 - Non è difficile fare i cavatelli: la giusta consistenza dipende anche dai nostri gusti, ma la proporzione tra acqua e semola che ho suggerito dovrebbe essere quella giusta! 
 - Se durante la preparazione dei cavatelli ci rendiamo conto che la pasta fa resistenza o tende ad indurire, manteniamo le nostre mani umide, così da facilitarci la lavorazione e da evitare che la pasta, da cotta, risulti "callosa".

45 commenti :

  1. wow che Signora ricetta hai realizzato! Bravissima!

    RispondiElimina
  2. mmmmmmmhhhhhhhhh che bontà! già avevo fame, dopo aver visto questo piatto ho i crampiiiii :O)

    RispondiElimina
  3. la pasta fatta in casa ha già di suo un alto tasso di amore per se stessi e per i propri cari, in più hai accontentato le richieste....vuol dire che sei proprio bravissima!!!!

    RispondiElimina
  4. Sembra di sentir parlare il mio di marito!!!!
    Questo primo piatto è da urlo!!! Mi piace un sacco!! Presto voglio copiartelo!!! Ti farò sapere!!!!!
    Un bacione grande e felice settimana!!!!

    RispondiElimina
  5. Ha veramente un aspetto invitante, poi a quest'ora....addenterei lo schermo!!

    RispondiElimina
  6. ricetta deliziosissima, ma il maritino ha apprezzato? bravissima. un bacione

    RispondiElimina
  7. questa pasta unisce il gusto all'aspetto chic..deliziosaaa! ;)

    RispondiElimina
  8. furbo tuo marito e riuscito a farsi cucinare un suo piatto preferito ma con un tuo meraviglioso tocco brava ottimo piatto buon lunedi!!!

    RispondiElimina
  9. questa ricetta mi colpisce dritto al cuore, che brava sei!

    RispondiElimina
  10. bra mi sembra un compromesso perfetto :)
    sei sempre bravissima! a presto e buona giornata!

    RispondiElimina
  11. Felice il maritino e felice anch'io per questa ricetta :) buonissimo l'abbinamento vellutata e guanciale mmmh...

    RispondiElimina
  12. Devo dire che è stato un ottimo compromesso!
    Troppo forte tuo marito che prende la scusa del blog per mangiare la pasta alla carbonara!!!!!
    Un bacione cara Emanuela!

    RispondiElimina
  13. Buoni questi cavatelli.....e grazie per i tuoi complimenti mi fanno piacere....un baciotto Maria

    RispondiElimina
  14. Uno piatto ricco e gustoso, splendidamente presentato, complimenti Emanuela!!!!!

    RispondiElimina
  15. Mamma mia che bontà!!! sei sempre così chic ed elegante nelle tue preparazioni!! Bravissima :)

    RispondiElimina
  16. o mio signore...che bontààààà! mi segno la ricetta!

    RispondiElimina
  17. Un ottimo compromesso tra una carbonara e un piatta più light!!!!!
    Come sempre ricetta e foto stupende. Brava!!!

    RispondiElimina
  18. Sai quando si dice amore a prima vista? E' quello che ho provato verso i tuoi cavatelli! Bravissima Emanuela, una ricetta originale e buonissima!

    Baci e buona settimana

    Giovanna

    RispondiElimina
  19. Mi piacciono molto i cavatelli, con questo condimento devono essere buonissimi. Brava!

    RispondiElimina
  20. Un piatto fantastico...complimenti, ciao.

    RispondiElimina
  21. Buono...anzi buonissimo.che fame che ho!!!!

    RispondiElimina
  22. Il marito in fondo non ha tutti i torti... hai trovato un buon compromesso:) la foto fa venire famissima;)
    a presto:**

    RispondiElimina
  23. Buonissimaaaaa!!!! Buona settimana I cuochi di Lucullo

    RispondiElimina
  24. wow, ma che piattino gourmand!

    RispondiElimina
  25. Che bel piatto corposo ed invitante, la carbonara può aspettare (povero maritino!) perchè questo bel piattino è tutta un'altra cosa!! La pasta in casa da sicuramente un tocco in più..sembra un piatto da ristorante! Bacio carissima

    RispondiElimina
  26. devo dire che l'abbianmento vellutata di fagioli e cavatelli non è niente male

    RispondiElimina
  27. Tuo marito andrebbe molto d'accordo col mio :-)
    Ricetta squisita!

    RispondiElimina
  28. Che buoni! Anzi....buonissimi. Brava, come sempre.

    RispondiElimina
  29. Anche mio marito si leccherebbe i baffi davanti a un piatto così! Grazie ancora per essere passata dal mio blog: ho avuto modo di scoprirne uno nuovo (come ho fatto a non notarlo prima?) che di sicuro continuerò a seguire con immenso piacere. Ho già adocchiato un paio di ricette che voglio provare quanto prima...

    RispondiElimina
  30. Ottimo piatto gustoso e invitante! Ciao

    RispondiElimina
  31. Una ricetta da 10 e lode! E poi con questo gustosissimo condimento come dire di no ad una primo piatto così invitante! CIAO SILVIA

    RispondiElimina
  32. Trovo sinceramente particolare l'abbinamento del condimento che hai usato con la base di legume. A me non sarebbe mai venuto in mente, ma devo dire che mi attira molto l'idea di sperimentare qualcosa di simile (e fidati.. di legumi ne ho in abbondanza, un giorno temo che si scoprirà anche perchè :)

    Ti faccio dunque tanti complimenti e ti mando un pizzico di invidia, ma di quella sana e buona, per la tua fantasia e abilità ad unire gli ingredienti.

    Un bacio
    Mari

    RispondiElimina
  33. Gli uomini son tutti uguali! Dessi retta alla mia cavia non cucinerei mai minestre e zuppe! Comunque hai trovato uno splendido e gustosissimo compromesso, ne è venuto furoi un piatto a 5 stelle ^__^ Un bacione, buona giornata

    RispondiElimina
  34. ah, me lo vedo proprio tuo marito, tale e quale al mio. A volte vede una ricetta sul blog e mi chiama dal lavoro per dirmi: "ma l'hai fatta per stasera o è una ricetta vecchia???" che vuol dire "ho voglia di mezzo chilo di pasta al sugo, e non di una zuppettina in salsa di qualcosa in un misero bicchierino monodose"!!!

    RispondiElimina
  35. Bellissima fotografia, ma soprattutto piatto super gustoso :D
    baciussss

    RispondiElimina
  36. Che acquolina in bocca mi hai fatto venire!!!
    Mi sono appena aggiunta ai tuoi lettori, tornerò spesso a trovarti! ;-)
    Buona giornata,
    ziaBetty

    RispondiElimina
  37. Mamma, che piatto gustoso!! Il guanciale croccante e il pecorino mi fanno venire l'acquolina, e la vellutata di cannellini soddisfa a pieno la mia passione per le vellutate!! Bravissima!!

    RispondiElimina
  38. Ah, dimenticavo, mi sono aggiunta ai tuoi sostenitori!!

    RispondiElimina
  39. a chi non piacerebbe un piatto così? Arrivo per cena e porto il vino.....Un bacione

    RispondiElimina
  40. Un plat qu'on a envie de déguster tout de suite.
    A très bientôt

    RispondiElimina
  41. Enmanuela, que buenoooooooooooooo se ve este plato, cuando vaya a Italia me paso por tu casa por que seguro que me pones algo rico, besos

    RispondiElimina
  42. Una pasta veramente speciale! la pasta fatta in casa è buona anche con solo un filo d'olio. A presto

    RispondiElimina
  43. Ah ah ah! La storia del marito che propone piatti per il suo esclusivo interesse personale è una costante anche di casa mia! Però il mio lo fa con i dolci... ;)
    Ottimo piatto, e grazie per essere passata da me!

    RispondiElimina