lunedì 1 agosto 2011

Pigro dessert di una pigra domenica estiva


Una peculiarità che mi contraddistingue da sempre è una certa...diciamo così... problematicità nel risveglio! Sono molto poco reattiva ai raggi del sole mattutini, alla sveglia...a qualsiasi sollecitazione esterna. Basti pensare che per quando, da piccola, dovevo andare a scuola i miei avevano messo su una vera e propria associazione volta ad accelerare i miei tempi di carburazione: entravano in camera, mi svegliavano, mi mettevano in piedi accanto al letto,  accendevano la luce, la radio....si allontanavano pensando di essere riusciti nell'impresa.... e poi puntualmente mi ritrovavano sdraiata sul letto che dormivo profondamente come se nulla fosse stato!
Anche ora....una parte di me si sveglia...diciamo metà cervello...l'altra rimane in uno stato di torpore fino a tarda mattinata.
Per cui, se ho qualche impegno, la parte sveglia sprona quella addormentata affinchè reagisca....
....ma se poco poco so di non avere impegni.....state certi che il torpore prende il sopravvento e la mattinata si trascina pigramente e mollemente tra molti caffè e qualche faccenda.
Così ieri!
Domenica di fine luglio in casa col maritino!
Non avevamo impegni perchè abbiamo programmato un'uscita di 4/5 giorni a cavallo del prossimo fine settimana (poi vi racconterò!), quindi per questo week-end  volevamo starcene a casa in tranquillità.

A volte il fine settimana scorre più lentamente se non si programmano uscite e diversivi, quasi quasi lo si assapora di più! Sembra di staccare realmente la spina senza farsi travolgere dalla necessità di...staccare la spina! Non so se mi spiego?! Si asseconda il proprio bio-ritmo che nel mio caso è tendenzialmente lento.

Tergiversando e indugiando si è arrivati quasi ad ora di pranzo e, nonostante la pigrizia e il torpore, l'appetito di certo non mancava. 
La parte sveglia del cervello si è attivata ed ha prodotto un buon risottino, con una combinazione di ingredienti particolare; ma quella addormentata non ha voluto proprio saperne di scattare una foto...quindi lo riproporrò a tavola e scatterò delle foto quando possibile.
E, nonostante tutto,  non è mancata neanche la coccola di un dolcetto...semplice semplice, veloce veloce, ma gustoso... ideale in tutte quelle situazioni che non vogliono essere impegnative.



Si tratta di un dessert che sono andata a scovare in un cassettino della memoria, quello dove custodisco le ricette. Lo avevo visto su qualche rivista, non so più neanche quale. 
I dessert con la frutta, al cucchiaio o no, generalmente mi colpiscono perchè nella loro semplicità li trovo molto raffinati.
Se poi si preparano quasi ad occhi chiusi, è il caso di dirlo, tanto meglio!



Frutta gratinata

Ingredienti per 2 cocotte

per la salsa
1 tuorlo
1 cucchiaio e 1/2 di zucchero
2 cucchiai di latte
100 ml di panna
essenza di vaniglia
burro per le cocottine (io non l'ho messo)
zucchero a velo

inoltre
frutta secondo i propri gusti
(io ho optato per 1 albicocca, 1 kiwie e 1/2 pesca noce)

Procedimento
In una terrina montiamo il tuorlo con lo zucchero fino a farlo diventare un composto spumoso.
Nel frattempo in un pentolino scaldiamo la panna con il latte. Spegniamo prima che raggiuga l'ebollizione e versiamo nel contenitore con uovo e zucchero passandolo attravero un colino. Aggiungiamo qualche goccia di essenza di vaniglia.
Dividiamo la frutta tra le due cocotte, lasciando un po' di spazio tra un pezzetto e l'altro. Versiamo il composto ed inforniamo a 180° per 4 minuti, cioè fino a che la crema sarà rappresa.
Spolverizziamo di zucchero a velo e serviamo.

Note
- Se ieri non fossi stata tanto pigra avrei preparato delle lingue di gatto da mangiare con la frutta gratinata!

24 commenti :

  1. Bellissimo dessert veloce ed invitante e poi questi colori mettono subito allegria!!!baci,Imma

    RispondiElimina
  2. Certo che se prepari questi dolcetti con ancora gli occhi mezzi chiusi...chissà cosa prepari da sveglia!!
    Buonissimo complimenti!
    Un bacione.
    Mari

    RispondiElimina
  3. bellissime queste cocottine, sembrano delle piccole crème brulè! E comunque chi non fa fatica ad alzarsi in queste mattine così calde? il caldo mi butta a terra un sacco, anche se ad accendere il forno non rinuncio mica ;)

    RispondiElimina
  4. - Imma...grazie per essere passata sul mio blog! A presto!
    - Mari...questo dolcetto è facile facile, davvero si può fare quasi dormendo! :-)
    - Pips...in effetti hai ragione: ricordano delle crème brulè...mio marito ieri le chiamava così! :-)

    RispondiElimina
  5. questo pigro dessert è l'ideale per una pigra come me!!! :-) delizioso!!! e poi complimenti, il tuo blog è davvero bello, divento una tua sostenitrice!! :-) se ti fa piacere, passa a trovarmi.

    RispondiElimina
  6. Buono questo dessert... semplice e gustoso, molto estivo... perfetto! Complimenti per il blog, è davvero carino... Ti seguo!! Baci. Deborah

    RispondiElimina
  7. Ciao Emanuela...mi ricordi tanto qualcuno...a casa non mi avvicina nessuno prima di una certa ora ;) non solo sono ancora dormiente le prime ore del mattino ma anche poco tollerante vicino a me non deve volare una mosca!!!!;)
    Che carina questa cocottina dolce con la frutta ;)

    RispondiElimina
  8. Brava Emanuela, bellissimo e sfizioso, perfetto per la stagione!!!!! Baci cara!

    RispondiElimina
  9. - FeDe...grazieeee!!!!!
    - Deborah...benvenuta!!!!
    - Giovanna...ah, quindi siamo in due? :-)
    - Simo...un bacione a te!

    RispondiElimina
  10. bellissimo e colorato, molto estivo...Hai un blog delizioso, mi sono aggiunta ai tuoi sostenitori....

    RispondiElimina
  11. Facile facile ma sicuramente buonissimo! e mette tanta allegria :)

    RispondiElimina
  12. ma che bellezza, eppoi è così colorata quella cocotte. Brava

    RispondiElimina
  13. Ragazze....grazie a tutte per essere passate a trovarmi! Un abbraccione!

    RispondiElimina
  14. deve essere buonissimo!!! poi se si può fare anche a occhi chiusi è un punto a favore!!! ;D

    RispondiElimina
  15. Carina!!! Bella da vedere, semplice da realizzare (si mangia tiepida o fredda di frigo? Come la preferisci?).
    Sicuramente la copierò usando i frutti di bosco e magari con due gocce di cioccolato fuso per decorare ...
    L'unica cosa che abbia la forza di svegliarmi è la necessità fisica di prendere un po' di sole, altrimenti passerei le mattinate trascinandomi dal letto al divano persino qui al mare... per dirti quanto io sia reattiva!

    A presto, baci
    Mari

    RispondiElimina
  16. - Marinella....una volta tolte le cocottine dal forno io le ho fatte intiepidire, il tempo di scattare qualche foto...personalmente non le metterei in frigo! ciao

    RispondiElimina
  17. questo dessert secondo me risveglia distoglei dalla pigrizia e da una bella carica di energia e poi non è solo buono è anche bello da vedere

    RispondiElimina
  18. anch'io ho il risveglio difficile, quindi hai tutta la mia solidarietà.
    mi piace molto questa ricetta, la copio subito e poi con questo caldo apprezzo molto le ricette veloci

    RispondiElimina
  19. Per fortuna lo chiami pigro dessert! E' da ricarica assoluta! Magnifici i colori! Complimenti!

    RispondiElimina
  20. Mi associo a Kiara...se è pigro questo, voglio dormire per sempre! Fantastica idea per la frutta di stagione. E presentazione deliziosa.Bacione, Pat

    RispondiElimina
  21. Ciao,forte il tuo dessert:)
    E,bella la presentazione!!
    A presto!

    RispondiElimina