lunedì 24 febbraio 2014

Le cioffe, i fritti di Carnevale


Continua il trend ipercalorico!
Sull'onda dei cannoli siciliani pubblicati ieri, mi sono data alla frittura matta e disperatissima, tanto per citare Giacomo (Leopardi naturalmente)! 
Ieri ho veramente esagerato: ho preparato un fritto dolce e uno salato, ma ho pensato che se dovevo infestare casa con l'odore del fritto, tanto valeva farlo una volta per tutte!
Ora per un annetto almeno di fritti non voglio neanche sentirne parlare!

Passando alla ricetta di oggi, si tratta di una di quelle che con nomi vari e piccole differenze negli ingredienti, unisce tutta l'Italia! Da noi si chiamano cioffe, ma basta allontanarsi di pochi chilometri e diventano frappe o chiacchiere! Comunque, come le chiami chiami, non c'è Carnevale senza questi dolcetti fritti croccanti e friabili!
Vi racconto la mia versione!


Cioffe

Ingredienti 
(per un vassoio come quello della foto)
300 g di farina 00
2 uova grandi
30 g di zucchero semolato
30 g di burro
30 g di grappa
1 pizzico di sale
la scorza grattugiata di un'arancia
zucchero a velo (o miele) per rifinire
olio di semi per friggere

Procedimento
Disponiamo la farina setacciata a fontana e al centro raccogliamo le uova, il burro morbido e tutti gli altri ingredienti. Impastiamo fino a ottenere un panetto omogeneo e lo riponiamo in frigo per almeno 30 minuti coperto da pellicola. Riprendiamo la pasta, la stendiamo molto sottile col matterello e ritagliamo le cioffe della forma che preferiamo con una rotella. Friggiamo in abbondante olio di semi bollente: saranno pronte quando si formeranno le bollicine in superficie e prenderanno un bel clore dorato. Asciughiamo su carta assorbente e spolverizziamo di zucchero a velo.



40 commenti :

  1. Buongiorno tesoro :)
    Anche mamma ieri ha fritto tutto il giorno, ha fatto chiacchiere e bomboloni :D Prossimamente rifarò le chiacchiere anche io..e qualche altro dolcetto carnevalesco, anche qualcosa cotto al forno però ^_^
    Ecco avrai capito che da me si chiamano chiacchiere, ma sono sempre buonissime e le tue sono perfette, gonfie e piene di bollicine!
    Un bacione grande :*

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia i dolci carnevaleschi, li preparo poco, ma li amo tutti. Anche da noi a Napoli si chiamano chiacchiere. Un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
  3. Chiacchiere anche a casa mia, e chissà che quest'anno non mi decida a friggere pure io :)
    Le tue sono talmente leggere che pare possano volare, bravissima!!!
    Baci

    RispondiElimina
  4. Diciamo sempre cos'.. poi passata una settimana (io anche il giorno dopo) ci viene voglia nuovamente di fritture e "cose porche" :D
    Devo dire che non le ho mai fatte e non mi sono posto neanche l'idea di farle.. qui a Messina le troviamo in qualsiasi panificio durante le feste... e le fanno così buone...! Ma la mia curiosità di farle primo o poi mi metterà le mani in pasta ;-) Magari prendo qualche spunto da te, si vede la qualità e la loro fragranza dalle foto, bravissima!
    Un bacio e buona settimana!
    Vica

    RispondiElimina
  5. Ecco qui, lo sapevo.
    Non dovevo passare a farti visita a quest'ora.. Adesso le disidererò per tutto il pomeriggio..
    :-)

    RispondiElimina
  6. Che aspetto magnifico!!! da mesi chiamano frappe! Dai ogni tanto i fritti ci stanno ;) Ora vado a vedermi anche la ricetta dei cannoli siciliani, gnam!! :)

    RispondiElimina
  7. Sono meravigliose ho l'acquolina.
    Baci

    RispondiElimina
  8. ah voglio anche io il carnevale!!!! e concordo quando si frigge che si frigga!!

    RispondiElimina
  9. Abbiamo avuto la stessa idea allora cara Emanuela! Anche io mi sono data al fritto questo week and e proprio come te ho detto faccio tutto in questi giorni e non ci penso più :). Un bella mega frittura! L'aspetto è super! non c'è che dire :). Un abbraccio, Angela

    RispondiElimina
  10. Devo dire cara Emanuela che sono proprio belle da vedere e chissà che buone, potrei mangiarne a quintalate...bravissima!!!
    Bacioni...

    RispondiElimina
  11. Oddio hai proprio ragione! O son fritti o non sono la stessa cosa! Le foto parlano da sole!

    RispondiElimina
  12. Mamma mia che voglia di tuffarmi tesoro in questo piatto...questo periodo farei scorpacciate di fritti e tu sei una tentazione!!Bacioni,Imma

    RispondiElimina
  13. Oddio sono bellissime!!
    Così ariose e gonfie, doratissime.,, perfette!
    Quanto sei brava amica!!
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  14. ...comunque le chiami sono uno spettacolo!!! Sei un portento, friggi tanto e te ne riescono mille bellissime di proposte golosissime!
    Ti mando un carissimo abbraccio di felice inizio settimana

    RispondiElimina
  15. "Cioffe" non le ho mai sentite chiamare, ci credi? e ne ho sentiti di nomi diversi per chiamare quelle che io chiamo "frappe" ;) Sono davvero moolto ma moolto invitanti! Hai fatto bene a far un tourdeforce del fritto...poi quando i risultati sono questi, la puzza, gli schizzi, l'unto, i grassi, la cucina in disordine ecc ecc è tutto ripagato ;)

    RispondiElimina
  16. Queste le adoroooo! poi un po' di fritto non fa poi proprio male!! bravissima, mi verrebbe voglia di entrare nel pc e mangiarle!hi.hi.hi

    RispondiElimina
  17. sob....come posso iniziare la dieta se poi vedo queste meraviglie?! Sto sbavando sulla tastiera....che deliziaaaaaaaaaa

    RispondiElimina
  18. Questo nome non l'avevo mai sentito...ma è la sostanza che conta!! Che buooone!!!
    Ti abbraccio Emanuela<3

    RispondiElimina
  19. Dalle mie parti si chiamano frappe.
    Di ricette ce ne sono molte e tutte da provare. Anch'io friggo in questo periodo, nel resto dell'anno cerco di evitare. Ma si sa che il Carnevale è sinonimo di fritto.

    RispondiElimina
  20. Io mi prenderei a calci da sola...sono giorni che ho voglia di cioffe, chiacchiere, bugie o come le vogliamo chiamare...ecco, perché non le ho preparate ?? Perché sono stupida..poi arrivo qui e sbavo..mannaggia a me ! Ti abbraccio :*

    RispondiElimina
  21. Cioffe non l'avevo mai sentito!! Comunque quanto sono buone??? Io quest'anno non le ho ancora fatte e credo che passo ... però non è ancora detto. Però potevi avvisarmi che venivo ad aiutarti a mangiare tutti questi fritti, lo sai che fanno male? Un bacio tesoro

    RispondiElimina
  22. Eccole!!!! Non potevo perdermele...devo essere stragolose..altro che le mie al forno :-P

    RispondiElimina
  23. Gosto tanto ,e essas ficaram lindas
    bj

    RispondiElimina
  24. Da noi non è ancora carnevale ma mi sa chele preparo anche io per settimana prossima!!!! Un bacione!

    RispondiElimina
  25. mamma mia che visione golosa che carnevale sarebbe senza le chiacchiere? Corro a vedere i tuoi cannoli.

    RispondiElimina
  26. Va be' che dire fra ieri e oggi sei entrata nel mio cuore prepotentemente, due dolci che mangerei all'infinito, buonissimi e bellissime foto!

    RispondiElimina
  27. Da noi si chiamano crostoli... ma qualsiasi nome abbiano sono una bontà assoluta..

    RispondiElimina
  28. Sai che ho fatto le cioffe ( da noi chiacchiere) ed ho dovuto buttare tutto? Con tutti gli occhiali messi ho letto male le dosi ed ho combinato un pasticcio.....va bene,posterò il prossimo anno!!!!
    Ti sono venute benissimo,brava.

    RispondiElimina
  29. ricetta nuova questa per me, ma se le avessi qui le mangerei tutte!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  30. Da noi si chiamano chiacchiere e ne vedo spuntare su tutti i blog con conseguente bavetta. Bravissima sembrano fragrantissime.

    RispondiElimina
  31. Domenica è stata la giornata del fritto...dovrò starmene buona per un pò,ho spaziato dalle graffe,ai bomboloni e castagnole...ne sento ancora l'odore!Però ora mi mancano le chiacchiere e che Carnevale sarebbe altrimenti!
    Cara la tua versione è uguale alla mia...grappa forever!
    Un baciuzzo!

    RispondiElimina
  32. Mia cara, darsi al fritto con questi risultati...ne vale la pena!! Cannoli, frappe...wow!! Lo sai che la prima ricetta in cui si è cimentato mio marito sono state proprio le frappe? E ripulì anche la cucina :-D!! Mi confesso però di averci impiegato un intero pomeriggio, povera stella. Sperimenterò anche la tua versione di polenta pasticciata con la verza. Ne giusto una in frigo ;-). Un bacino, tesoro!!

    RispondiElimina
  33. Io non impazzisco per i fritti, ma una di queste me la mangerei volentieri! Un bacio

    RispondiElimina
  34. Ma quante delizie che sai fare..bravissima!!!:-))
    Baci cara

    RispondiElimina
  35. Emanuela, riesci a trovare il tempo per fare tantissime delizie...sei veramente bravissima!! Noi le tue cioffe le chiamiamo frappe, ma il succo non cambia, sono un trionfo di bontà!! Un abbraccio forte, Mary

    RispondiElimina
  36. hanno un aspetto fragrante e friabilissimo, si sciolgono in bocca di certo, che voglia !!

    RispondiElimina
  37. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  38. Ciao Emanuela, sono capitata sul tuo blog qualche tempo fa mentre girovagavo er il web...e non ho potuto non apprezzarlo ;) Mi sono unita a i tuoi lettori e sei anche nella mia blogroll...passeresti da me? C'è un post in cui ti cito :)http://www.mielemandorle.blogspot.it/2014/02/chiacchiere-ma-anche-frappe-bugie.html

    RispondiElimina