mercoledì 12 novembre 2014

Stinco di maiale alla birra con mele, patate e carote


Mi hanno regalato una cassettina di mele rosse e da qualche giorno  approfitto per caratterizzare i miei piatti col gusto dolce acidulo e aromatico di questo frutto.

Ho approfittato per fare qualche conserva, di cui vi parlerò prossimamente, mentre ieri ho accontentato mio marito con un arrosto gustosissimo: non è che se ne vedano tanti da queste parti! Cerco sempre di evitare le carni troppo grasse.

Il pressupposto indispensabile per cucinare lo stinco di maiale  è il tempo a disposizione da dedicare alla cottura: non vi spaventate, ma ci sono volute quasi 3 ore di forno! ...con buona pace della bolletta!


Stinco di maiale alla birra con mele, patate e carote

Ingredienti per 2 persone
1 stinco di maiale
3 mele
4 patate
4 carote
1/2 bicchiere di birra
1 spicchio d'aglio
1 foglia d'alloro
1 cucchiaino di semi di finocchio
qualche rametto di rosmarino
olio d'oliva
sale e pepe


Procedimento
In una teglia che possa andare anche in forno scaldiamo l'olio con l'aglio, l'alloro e parte rel rosmarino; rosoliamo bene la carne su tutti i lati dopo averla aromatizzata col finocchio, sale e pepe; nel frattempo scaldiamo il forno a 200°. Sfumiamo con la birra facendola evaporare quasi completamente. Trasferiamo la teglia in forno mantenendo per la prima mezz'ora la temperatura a 200°, poi abbassiamo a 180°. Dopo la prima ora di cottura aggiungiamo le patate in pezzi grandi e le carote  tagliate nel senso della lunghezza, condite con olio, sale, pepe e rosmarino. Dopo 30 minuti aggiungiamo anche le mele a spicchi.
Ovccorrerano complessivamente almeno 2 ore e 1/2 di cottura, ma anche 3, dipende anche dal forno.


Note
Le quantità indicate per 2 persone sono adeguate se non si mangia anche il primo, come nel nostro caso.


22 commenti :

  1. Che meraviglia da fare assolutamente. Baci

    RispondiElimina
  2. Devo provare la cottura dello stinco....non lo faccio solo perché ho il timore di non arrivare giusta x pranzo :)
    Raffaella

    RispondiElimina
  3. a che ora si pranza? son già lungo strada, porto un dolce ok???? mamma mia sto morendo di fame, che piatto succulento, e con le mele mi piace ancora di più! un bacione!

    RispondiElimina
  4. :) che bello la birra anche da te! insomma siamo due ubriacone io e te eh? ;-) ma poi evapora.... o no? :D
    in ogni caso mi piace tanto questo tuo stinco, e me lo segno da provare quanto prima. ho tante buonissime birre da usare che qui trovano la giusta destinazione!

    RispondiElimina
  5. Mi piace molto l'accostamento con le mele.
    Bravissima come sempre
    Un bacione

    RispondiElimina
  6. Mamma mia che gola! Anche io accosto i gusti dolci allo stinco, persino l'uva passa e il gusto sale all'ennesima potenza!
    Un abbraccio Emanuela <3

    RispondiElimina
  7. Che bontà. Devo provarlo con le mele.

    RispondiElimina
  8. Con buona pace della bolletta della luce, questo stinco vale tutti i soldi spesi: sentivo da qua il profumo e me lo sono mangiato con gli occhi! Ricordo quando ho mangiato per la prima volta lo stinco di maiale al ristorante: non ero capace di tagliarlo e ho chiesto aiuto al cameriere. Il quale lo ha preso con una mano dal lato dell'osso e lo ha tagliato tenendolo quasi in verticale. Stupendo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si in effetti riuscire a tagliarlo bene quando è caldissimo, appena uscito dal forno, non è semplice! :)

      Elimina
  9. Ciao Emanuela, hai detto bene, è il tempo il segreto per ottenere un buon stinco: dalle mie parti è immancabile sulle tavole ed ello ne va ghiotto quindi appare spesso sulla mia tavola. Proverò la tua variante con le mele dal momento che al salone ne ho comperate un po'. Interessante il contest qui sotto, peccato che io non sono sui social, ti seguirò da questo schermo. Un bacio e buona serata <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In un ristorante a Zurigo ho visto che ne servivano uno a testa.... :)

      Elimina
  10. Emanuela carissima, questo piatto sembra uscire dal monitor...le foto sono splendide e di sicuro l'arrosto non è da meno! Sei davvero instancabile e bravissima!! Ti abbraccio forte, Mary

    P.S Anch'io ho fatto qualche conserva con le mele :-)

    RispondiElimina
  11. Tanto tempo, ma il risultato finale direi che merita tantissimo!
    Bellissimo arrosto.

    Fabio

    RispondiElimina
  12. Mamma mia che spettacolo! anche solo a guardarlo. Ha ragione Mary, sembra uscire dal piatto.

    RispondiElimina
  13. Spettacolare!!!! Ti giuro che viene l'acquolina solo a guardarlo!!!!

    RispondiElimina
  14. WOW! Ma è qualcosa di davvero spettacolare!
    Vorrei rifarlo molto presto e credo che aggiungerò qualche pastinaca alle verdure che danno un ottimo sapore

    Marco di Una cucina per Chiama

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh sei fortunato Marco se hai la possibilità di comprare la pastinaca! Io in Italia non l'ho mai trovata, sono riuscita a mangiarla solo a Londra! :)
      Buona serata!

      Elimina
  15. Quanto è buono lo stinco di maiale. Da quando l'ho provato in Germania, sogno di cucinarlo in casa... ma purtroppo da me non si trova! Mi limito a guardare queste foto con gli occhi che brillano! Bello, complimenti :D

    RispondiElimina
  16. qui a Trieste lo stinco di maiale è proprio un piatto della tradizione, ottima la tua variante, me la segno ! buon fine settimana, un bacione

    RispondiElimina
  17. Che bella teglia invitante! Mai cucinato uno stinco mi hai invogliato :)

    RispondiElimina