lunedì 6 ottobre 2014

Torta di rose con mele e pinoli


Un cuscinotto alto, soffice e profumato è secondo me il modo più delicato e "coccoloso" per iniziare la giornata! 

A dire il vero quando ho deciso di preparare una torta di rose farcita alle mele, nella mia mente mi ero rappresentata una tortina più composta e ordinata, adatta più ad occasioni formali che al mio stentato risveglio mattutino! Se non che si è verificata un'esplosione in lievitazione e la torta è risultata tutt'altro che ordinata, direi piuttosto prorompente!
L'esuberanza del lievito madre ha preso il sopravvento a discapito della compostezza!


La sofficità si percepisce in parte dalle foto...mai abbastanza in realtà!
Il profumo non si sente ma ve lo posso raccontare a partire dagli ingredienti: mele, cannella, vaniglia, limone...
Tante ore di lievitazione....
E la magia si è compiuta anche questa volta!


Torta di rose con mele e pinoli
Ingredienti

per il lievitino
80 g di lievito madre rinfrescato la sera prima
95 g di acqua
110 g di farina

per l'impasto
il lievitino
270 g di farina manitoba
270 g di farina 00
120 g di latte
100 g di zucchero
50 g di burro
2 uova
2 cucchiai di olio di semi
scorza grattugiata di 1 limone
i semini di 1/2 bacca di vaniglia

per la farcitura
50 g di burro
2 cucchiai di zucchero
4 cucchiai di marmellata chiara (pesche, albicocche, mele....)
2 mele
30 g di pinoli
cannella

inoltre
1 tuorlo con poco latte per spennellare
zucchero a velo per rifinire



Procedimento
Circa 8 ore prima della preparazione dell'impasto ho fatto il lievitino con lievito madre rinfrescato la sera prima, acqua e farina. Ho portato il burro dell'impasto a temperatura ambiente, l'ho amalgamato con scorza di limone e vaniglia e l'ho lasciato a riposo.
La sera verso le 20:00 ho impastato il lievitino con latte, lo zucchero, metà delle 2 farine setacciate, le uova (uno per volta), l'altra parte della farina, l'olio e solo alla fine poco per volta ho aggiunto il burro aromatico. Ho impastato bene e riposto il panetto in una ciotola coperta con pellicola. Dopo un'ora di riposo a temperatura ambiente, ho trasferito la ciotola in frigo per tutta la notte. Al mattino ho riportato l'impasto a temperatura ambiente e fatto proseguire la lievitazione. 
Nel frattempo ho preparato la farcitura: ho ammorbidito il burro lavorandolo poi con lo zucchero. A parte ho mescolato le mele tagliate in dadini molto piccoli con la marmellata, i pinoli e la cannella. 
Ho ripreso l'impasto, l'ho steso in una sfoglia sottile, ho prima spalmato la crema al burro e poi sopra ho distribuito la farcitura di mele. Ho arrotolato e tagliato in 7 tronchetti disposti poi in una teglia rotonda (i 2 estremi vanno collocati al centro. Ho spennellato con tuorlo e latte e infornato a 180° per una trentina di minuti. Ho fatto la prova stecchino prima di cacciare la torta dal forno.


Note
- In alternativa allo zucchero a velo potete preparare una bagna con 100 g di acqua, 50 g di zucchero,
qualche scorzetta di limone (o altro aroma a piacere). Fate bollire fino a quando otterrete una consistenza sciropposa e poi spennellate la bagna sulla torta appena sfornata per una superficie lucida.
- Se non avete il lievito madre preparate il lievitino con 150 g di farina manitoba, 1/2 bicchiere d'acqua, 8/10 g di lievito di birra fresco.
 

28 commenti :

  1. mi sembra di sentirne il profumo, che delizioso modo per iniziare la giornata! Buona settimana Emanuela, un abbraccio !

    RispondiElimina
  2. A me piace così, esplosiva!
    Una coccola perfetta per il lunedì mattina...
    Un abbraccio stretto e bravissima cara

    RispondiElimina
  3. devo farla, me lo dico da anni e poi o mi scordo o altro, è una fissa che ho, prima o poi ce la farò, adoro la sua altezza, la sua scompostezza, la sua esplosività, me la lasci davanti ...rischi di non vederla più, un abbraccio e buona settimana!

    RispondiElimina
  4. Ecco un dolce che non ho mai fatto, così a bocconcini assomiglia un po' ai Buchteln: io riesco a percepire sia la soficità che il profumo. Buona settimana ed un bacio <3

    RispondiElimina
  5. davvero emana una sofficita' incredibile!!! e con le mele deve essere spaziale!

    RispondiElimina
  6. Bellissima, ha un aspetto così soffice! Non ho mai fatto la torta di rose, dovrei provare :D
    Buon inizio settimana

    RispondiElimina
  7. Torno dalle vacanze, arrivo qui e trovo questa meraviglia. I tuoi lievitati sono sempre fantastici, e questo fiore è talmente bello ed invitante che riesco quasi a sentirne il profumo. Complimenti!
    Giulia

    RispondiElimina
  8. no vabbeh.. stupendo.. da annusare, da "palpare" con i polpastrelli per sentirne la sofficità, da mordere ad occhi chiusi e gustare in pieno trans.. stupenda davvero
    brava

    RispondiElimina
  9. Hai ragione è una magia, meravigliosa!
    Immagino il profumo oltre che il sapore.

    RispondiElimina
  10. Ecco cosa vorrei adesso!!! Stupendissima :) sembra quasi di sentirne il profumo e i tuoi scatti parlano chiaro... un sofficissimo dolce fiabesco!!
    Tesoro tantissimi complimenti, a presto e un bacione!!!!

    RispondiElimina
  11. Io sono estasiata, si vede tutta la sofficita' e il profumo me lo immagino benissimo!! Meravigliosa, adoro tutto quello che ci hai messo dentro e mi sa che me la faccio proprio!! Un bacio

    RispondiElimina
  12. a me sembra semplicemente perfetta: nella sua esplosività, sofficità, ricchezza del ripieno :)
    non è solo un dolce, è una coccola in tutti i sensi
    un bcaio, buona settimana

    RispondiElimina
  13. Il tuo lievito lavora davvero sodo. Questa torta si è gonfiata come un palloncino... :-)

    RispondiElimina
  14. E' davvero una magia questa torta, per me è splendida nella forma e chissà che buona... bravissima!!!
    Bacioni...

    RispondiElimina
  15. Oddio ma è pazzesca!!! così soffice...ma sai che mi ha fatto deglutire sonoramente, quando l'ho vista?!??!!?! brava brava! un bacione

    RispondiElimina
  16. Che buonaaaaaa!!
    Non vedo l'ora di fare una torta come la tua.. Buonissimi il ripieno!!

    RispondiElimina
  17. wowwwwwwww è stupenda, vien voglia di addentare lo schermo!! complimenti!!

    RispondiElimina
  18. Ciao. Potresti cortesemente indicare quante uova vanno? Non le vedo nell'elenco degli ingredienti. Grazie e complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Occorrono 2 uova, le ho aggiunte agli ingredienti, mi era sfuggito! Grazie! :)

      Elimina
    2. Grazie mille! :)

      Elimina
  19. Emanuela l'esuberanza del tuo lievito madre ha regalato un cuscino vero!!! Mamma mia se mi piace questa torta di rose!! Sai poi il mio debole per i dolci con le mele quindi ... mi hai conquistata al primo sguardo!
    Complimenti poi per gli scatti, sono uno più bello dell'altro, ma l'lultimo per me ancor più degli altri!
    un grande bacione

    RispondiElimina
  20. Che spettacolo è mai questo?????? ULo sai, vero che la torta di rose nasce in Trentino?La tua è spettacolare!!!! Sei magica, amica mia <3

    RispondiElimina
  21. Beata la scompostezza!!! Una torta così bella e "prorompente", come dici tu, è una vera magia...che tu riesce a fare ogni volta!! Meravigliosa Emanuela!! Un abbraccio forte e a presto, Mary

    RispondiElimina
  22. Mi ero persa questa meraviglia..e come al solito adoro i tuoi lievitati :*

    RispondiElimina
  23. Ciao Emanuela, ho scoperto da poco il tuo blog e ne sono rimasta entusiasta!!! Ho provato a fare la tua torta di rose con la mia pasta madre...circa 24 ore di lievitazione...ed è venuta uno S P E T T A C O L O!!!! Un profumo ed una sofficità estrema!! A breve avrò ospiti a cena e mi sa proprio che questa torta la riproporrò!!! :)
    Ho provato a preparare anche la zuppa di ceci e castagne...buonissima e l'accostamento ceci-castagne è fantastico!! Piatto da rifare al più presto!! :)
    Grazie mille per le tue bellissime ricette...a presto, Elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Elena! E' sempre un gran piacere leggere di proprie ricette sperimentate con successo! :) Ti faccio anche i complimenti perchè comunque per ottenere un buon lievitato occorrono, oltre ad una buona ricetta, anche manualità, pazienza e un discreto intuito per sfruttare le potenzialità del proprio lievito. Insomma, spero che avremo modo di incontrarci presto su qualche altra ricetta! ;) Un bacione e grazie ancora!

      Elimina