martedì 6 settembre 2011

Gnochi de susini


Mi sono preparata per questo appuntamento con largo anticipo: volevo essere certa di arrivare per tempo!
Il fatto è che l'iniziativa di Anna ed Ornella, di proporre tutti la stessa ricetta nello stesso giorno, ognuno personalizzando il piatto a proprio modo, la trovo davvero irresistibile!
Metteteci poi che mi affascina molto scoprire le  tradizioni "altre"della cucina italiana, così ricca e variegata da nord a sud...insomma, questo mese, con questa ricetta, dovevo proprio iniziare a partecipare a "Quanti modi di fare e rifare...!".


I particolari "gnochi de susini" proposti da Libera mi hanno colpita da subito! 
Non li conoscevo, nè di nome e nè di fatto!

Primo piatto della tradizione triestina, si distingue per un delicatissimo gusto giocato sul contrasto "dolce-salato", per la presenza di un tenero ripieno a base di prugne negli gnocchi...
...contrasto che io ho voluto accentuare utilizzando il mio solito impasto di patate che prevede l'aggiunta del parmigiano (50 g per 1 kg di patate).
Rispetto alla proposta di Libera ho apportato altre due piccole varianti: ho sbucciato "i susini" prima di metterli a macerare con zucchero e cannella, perchè erano molto maturi e la buccia andava via con facilità, e li ho tagliati in due per realizzare degli gnocchi più piccoli.


Mi scuso se non posto alcuna foto che faccia vedere il ripieno degli gnocchi, ma per l'impazienza di mangiarli io e mio marito abbiamo dimenticato di scattarla! 

Per la ricetta originale vi rimando naturalmente alla mia cara e preziosa fonte!

Purtroppo non sono mai stata a Trieste! 
E' già da un po' che cerchiamo di organizzare una visita a questa città ma alla fine i programmi saltano.
Ma ora ho un ulteriore motivo per andare: assaggiare in loco gli "gnochi de susini"!

31 commenti :

  1. Grazie mille, sono venuta a prendere la foto ed il link, passo dopo per leggere con attenzione la tua versione.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. ti sono venuti benissimo Emanuela!!!Quando organizzate un viaggio a Trieste fatemi sapere, un abbraccio

    RispondiElimina
  3. che belli son venuti! da triestina lo posso dire...Io son qui che vi aspetto, Trieste merita un bel viaggio, vai a vedere i reportage fotografici che ho fatto, te ne innamorerai....Un abbraccio...

    RispondiElimina
  4. Buongiorno ragazze!
    Sapevo di avere molte amiche triestine tra di voi! Quando verrò a Trieste mi piacerebbe incontrarvi tutte! Vi abbraccio!

    RispondiElimina
  5. Ed eccomi qui per rubare un assaggio di questi gnocchi, così poi li confronto con quelli di Stefania!
    Baci

    RispondiElimina
  6. Li ho visti anche da Stefania, mi avete messo una curiosità!!

    RispondiElimina
  7. Ammazza che belli..... bacioni .-)

    RispondiElimina
  8. troppo forti, ve li siete mangiati in un attimo :))) e avete fatto bene!
    ciao, Valentina

    RispondiElimina
  9. Ma come sono belli!!E chissà che buoni!!!

    RispondiElimina
  10. - Carla...Dopo facci sapere! ciao ;-)
    - Francesca...ti consiglio di provarli...sono molto particolari!
    - Claudia...grazie e un bacione a te!
    - Valentina...qui si cucina soprattutto per mangiare ;-))) ! Un abbraccio e a presto!
    - Nani e LollY...si si, confermo! Buoni! ciao ragazze!

    RispondiElimina
  11. Cara che belli che sono!!
    Complimenti!!

    RispondiElimina
  12. Bellissimi e buonissimi, complimenti cara Emanuela!!!!!!

    RispondiElimina
  13. Questa è una ricetta che ho mangiato anche a Vienna e la sua radice austroungarica è davvero fortissima. Io li ho adorati letteralmente, perchè amo immensamente la nota acidula della prugna in moltissimi abbinamenti, sia dolci che salati. La riuscita della tua ricetta mi sembra eccellente. Davvero brava sai? Un abbraccione, Pat

    RispondiElimina
  14. non conoscevo questi gnocchi, ma mi ispirano molto e ti sono venuti benissimo!!! ;)

    RispondiElimina
  15. - Mariangela...grazie! Ti auguro di trascorrere una piacevole serata!
    - Simona...sei gentile! Grazie di essere passata a trovarmi!
    - Patty...io li ho scoperti im questa occasione, ma immaginandone il gusto particolare non ho potuto fare a meno di prepararli! Grazie per i tuoi complimenti! Bacione!
    - Glo...li ho conosciuti anch'io in questa circostanza! Ciao, buona serata!

    RispondiElimina
  16. Ma fantastica questa ricetta e la foto poi è da urlo. Mi hai fatto venire voglia di assaggiarli.

    RispondiElimina
  17. Non li ho mai assaggiati, li avevo scoperti su un altro blog e mi ero ripromessa di provarli... questa è la volta buona, copierò la tua ricetta, la foto è troppo invitante :) Ciao Liz

    RispondiElimina
  18. Ciao dolcissima mia!! Grazie ancora per le tue belle parole, sono sempre più contenta e felice di aver conosciuto tutte voi e te!! Complimenti per la ricetta, neanche io conoscevo questo piatto triestino ma la tua foto dice tutto! Molto invitanti e capisco la vostra impazienza di mangiarli eheh!! un bacio grande buona serata

    RispondiElimina
  19. Ottima ricetta!Buona serata da Agata!

    RispondiElimina
  20. Che coraggiosa nelle tue esplorazioni regionali, soprattutto se penso ai miei stuzzichini senza patria, alla mia carenza di radici, ovunque e da nessuna parte! Ok, io con le prugne ci vado dappertutto, e mi piacciono come 'i cavoli a merenda'!

    RispondiElimina
  21. Mmmhh, ottimi, se non fosse che nel giro di mezz'ora è già la terza volta che li mangio! :-)
    Vado da Libera e sono con i tordi...faccio chilometri per andare in Giappone e ti trovo gli gnocchi...un salto qui e...bene, li faccio, domani li cucino: promesso!

    RispondiElimina
  22. Questi gnocchi li ho assaggiati tantissimi anni fa in Polonia e anche se il ricordo è un po' sbiadito ormai, so che erano davvero buoni nonostante lo scetticismo iniziale. Il tuo piattimo è davvero invitante sai? Ti son venuti benissimo. Un bacio, buona giornata

    RispondiElimina
  23. E ci credo che li hai visti e non hai saputo resistere....sono strepitosi! Bacini la stefy

    RispondiElimina
  24. Visto che sei così brava ti toccherà andare a Trieste a farli provare alle triestine :))

    RispondiElimina
  25. - Pennaeforchetta...grazie, mi fa piacere che la foto ti abbia fatto venir voglia di assaggiarli ;-) ! ciao
    - Liz...se decidi di provarli fammi sapere se ti piace questa variante col parmigiano nell'impasto! ciao
    - Valentina...un baciotto a te! A presto!
    - Agata...Grazie e buona serata a te!

    RispondiElimina
  26. - Marinella...i tuoi "stuzzichini" nascono dalla tua creatività: come puoi dire che non hanno patria? Ciao cara!
    - Antonella...eh lo so cara Antonella, vi abbiamo fatto fare indigestione di gnocchi ;-) però ne valeva la pena! ciao
    - Federica...Grazie bella! Sei sempre carinissima! Buona notte!
    - Stefy...:-) si infatti....però una fotina delripieno la potevamo pure scattare uffa!!! Buona serata!
    - Carlotta...a Trieste ci voglio proprio andare, ma chissà se i miei gnocchi sarebbero all'altezza di quelli di qualche esperta triestina!?! Bacione!

    RispondiElimina
  27. Bravo! une recette très originale.
    J'aime beaucoup.
    A très bientôt

    RispondiElimina
  28. gli gnocchi di susine sono davvero speciali e tu sei stata bravissima nel prepararli , ciao

    RispondiElimina
  29. ammazza ma devono essere buonissssssssssimi!

    RispondiElimina
  30. Ciao Emanuela, in ritardo ma ci sono :-) Bella idea l'aggiunta del parmigiano, li proverò la prossima volta, grazie! A presto un abbraccio e ti aspetto nella mia cucina in ottobre!

    RispondiElimina
  31. Emanuela, lo so, sono imperdonabile, hai messo così tanto amore nel fare questi "gnochi" e non mi sono fatta viva. Lo faccio ora con affetto ed ammirazione, mi fa piacere che tu non sia riuscita a fotografare l'interno per motivi di "bontà della ricetta".
    Grazie davvero ed un abbraccio stretto :-)

    RispondiElimina