mercoledì 28 settembre 2011

Pasta patate e funghi...di ritorno dalla Francia!


Io e mio marito abbiamo festeggiato l'anniversario di matrimonio il 3 settembre. 
Ci siamo sposati in una piccola e pittoresca chiesetta di campagna alla presenza di un ristretto numero di invitati. 
Un matrimonio intimo e raccolto!
Subito dopo la cerimonia siamo partiti per un bellissimo viaggio in macchina che, dopo un'iniziale tappa a Parigi, ci ha portato alla scoperta dei luoghi magici della Bretagna e della Normandia.
E' il genere di viaggio che io amo: dove la storia e l'arte si fondono con lo scenario naturalistico dei paesaggi nordici. Atmosfera incantata, quasi fuori dal tempo, fiabesca, tra i borghi medievali normanni e le scogliere bretoni.
Siamo rientrati a casa a fine settembre. 
Ci siamo allontanati dai boschi, lungo le stradine della Bretagna, nella nebbia più fitta. 
Da Lion (ultima tappa francese) è iniziato a piovere senza tregua, un diluvio che ci ha accompagnato per tutto il viaggio di rientro!

Non ci crederete...magari ci si aspetterebbe qualcosa di pù elegante... ma, novella sposa, il primo piatto che ho cucinato nella nostra nuova casa è stato proprio "pasta patate e funghi"! 
Del resto avevamo preso tanto di quel vento sulle scogliere a picco sul mare, tanta di quell'acqua sulla via del ritorno, che una minestra calda ci risultava davvero impareggiabile.
...ma una minestra che fosse semplice e rustica, ricca di pasta e di sapore..., che profumasse finalmente di casa... assolutamente "altra" rispetto alle elaborate ricercatezze della pur pregievole cucina francese.
E' così che, un po' per caso e un po' no, ogni anno di questi tempi mi ritrovo a preparare, proprio come prima minestra autunnale, questa ormai tradizionale pasta patate e funghi!
Ricordando e sognando di un viaggio incantevole!

 

Pasta patate e funghi
dosi per 2 persone

Ingredienti
120 g di pasta da minestra (il tipo che preferite)
2 patate
250 g di funghi
3 cucchiai d'olio
1/2 cipolla
1 carota
1 spicchietto d'aglio
1 rametto di rosmarino
1 ciuffetto di prezzemolo
1 pezzetto di peperoncino piccante
sale e pepe

Procedimento
Ho realizzato questa minestra tagliando le verdure, tritando gli aromi e mettendo tutto da crudo in un tegame con acqua fredda (coprendo fino a due dita sopra alle verdure). Ho messo inizialmente due dei cucchiai d'olio (l'altro a cottura avvenuta, a crudo).  Quando le verdure sono risultate tenere ho salato e pepato, ho allungato il brodo che si è formato con dell'altra acqua, in questo caso bollente, lasciando comunque la minestra piuttosto densa. Ho aggiunto la pasta e lasciato cuocere per il tempo necessario.
Ho impiattato e condito ulteriormente con l'olio (il terzo cucchiaio!), del prezzemolo tritato e pepe macinato fresco.
Ho servito con del parmigiano grattugiato a parte.

Note
 - Non seguo sempre lo stesso procedimento per la realizzazione delle minestre. A volte preparo il soffritto e aggiungo gradualmente le verdure, dalle più dure alle più morbide, e solo dopo l'acqua o il brodo caldi.
Quando non voglio complicarmi la vita procedo come in questo caso: ne risulta una minestra più leggera ma comunque molto buona. 

Con questa ricetta e con il racconto ad essa legato partecipo al contest della dolce Valentina del blog La cucina facile di Vale :





36 commenti :

  1. Ma sai che deve essere molto,molto buona questa minestra? Spudoratamente te la copio.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  2. Tutti gli ingredienti a disposizione!!!! La provooooooooo :D
    baciusssss

    RispondiElimina
  3. Bellissima questa minestra
    ciao

    RispondiElimina
  4. adoro le minestre e questa penso che sia davvero molto buona e saporita! complimenti, è un piatto stupendo :)

    RispondiElimina
  5. Auguri per il vostro anniversario del 3 settembre scorso!! che belli i tuoi ricordi.. deve essere stato un viaggio di nozze sensazionale!!!! Ed ottima la tua pasta.. la trovo eccezionale anche io!baci .-)

    RispondiElimina
  6. Ciao, complimenti per il tuo bel blog, e auguri per il tuo anniversario di matrimonio; Vorrei invitarti a partecipare al mio contest sulle pere:
    http://lacucinadipaolabrunetti.blogspot.com/2011/09/oggi-il-mio-blog-compie-2-anni.html
    Ti aspetto, ciaooo

    RispondiElimina
  7. Che bello il tuo post! Mi piacciono le ricette che fanno riassaporare emozioni passate. Auguri per l'anniversario cara Emanuela!
    Un bacione

    RispondiElimina
  8. mi piacciono un sacco le storie che sono legate a certi piatti che cucinamo. e questa è molto bella!

    RispondiElimina
  9. E' una ricetta bellissima e molto, ma molto romantica: sa di casa, della vostra casa, della famiglia che è nata e della vostra vita insieme!
    Brava Emanuela, e grazie per avermi fatta sognare un po'! Anch'io amo il tipo di vacanza che ami tu... dove ci sono i borghi medievali c'è Kaori, e non se ne vuole andare via più! :°)
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  10. Mi piace proprio questa ricetta!!!!

    RispondiElimina
  11. Emanuela che bel post! La chiesetta di campagna, i borghi medioevali, la natura, mi hai emozionata! Anch'io amo molto viaggiare alla scoperta di posti così ricchi di bellezza, storia e suggestioni.
    La minestra è deliziosa, non ho mai fatto la pasta e patate con i funghi, ho segnato la ricetta!

    Baci

    Giovanna

    RispondiElimina
  12. Che bella minestra e che splendida storia!!

    RispondiElimina
  13. la bretagna ce l'ho nel cuore da svariati anni ma purtroppo non sono ancora riuscita ad andare; questa pasta me la segno; io di solito faccio una pasta e patate piuttosto semplice ma l'aggiunta dei funghi mi interessa molto. un bacione

    RispondiElimina
  14. Auguri per l'anniversario e complimenti per la ricetta.
    Anche io ho fatto un viaggio in Bretagna con mio marito (ma non il viaggio di nozze) e ne conservo un ricordo bellissimo!
    Ciao

    RispondiElimina
  15. Quanto mi ispira questo piatto, delizioso cara Emanuela, grazie della bella ricetta!!!!

    RispondiElimina
  16. oh ma che bella la storia celata dietro questa abitudine di preparare questa minestra come prima minestra autunnale :) i posti che avete visitato devono essere stati incantevoli!

    RispondiElimina
  17. :-) seguendo i tuoi ricordi sono scivolata nei miei e nella bella vacanza trascorsa nel Nord della Francia

    RispondiElimina
  18. Bon anniversaire à toi et à ton mari.
    Un plat bien savoureux. J'aime beaucoup.
    A très bientôt

    RispondiElimina
  19. Tesoro, mi manca il matrimonio, il viaggio in Francia da sposina (e dire che la Francia la conosco proprio bene) e il rientro in una casa che sia proprio casa 'nostra', ma posso rientrare in casa proprio casa 'mia' e in fin dei conti, se trovo tutte le mie cose e voi (insieme al blog, agli amici e ai gatti) non è affatto male. Il tuo post mi ha commossa e messo un pizzico di invidia in corpo e la tua zuppa è magnifica!
    Baci
    Mari

    RispondiElimina
  20. Ciao Emanuela, sono contenta della tua visita;così ho avuto modo di conoscere il tuo blog. Mi piace, pertanto ti seguo anch'io. La tua minestra è deliziosa. Ti faccio tanti auguri per il tuo anniversario di matrimonio! A presto

    RispondiElimina
  21. Buon giorno Emanuela, anche tu sai trascinare nelle atmosfere incantate dei tuoi ricordi, ho "visto" tutto con te..no, quello no, ho chiuso gli occhi ;-) però li ho riaperti per guardare e sentire il profumo di questa minestra, adoro il binomio funghi-patate. Buona giornata :-)

    RispondiElimina
  22. innanzitutto Augurissimi x il vs anniversario! ^.^ e poi grazie della tua visita, contraccambio con piacere e mi unisco ai lettori! un abbraccio a presto!

    RispondiElimina
  23. Mamma mia che spettacolo!!Molto invitante!Complimenti!

    RispondiElimina
  24. Buono..devo prorpio provarlo!!
    grazie per essere passata a trovarmi..mi aggiuungo volentueri ai tuoi membri..così potrò seguirti più da vicino!
    un abbraccio!

    RispondiElimina
  25. grazie x la visita...e x questa bontà appena postata! ne mangerei a vagonate! mi sono aggiunta ai tuoi amici così non mi perdo nemmeno una ricetta!

    RispondiElimina
  26. Ciao!!Grazie per essere passata a trovarmi ;) Auguroni per il vostro anniversario, sai che non ho mai fatto questa pasta? m i sembra davvero buona... la proverò!!

    Vevi :)

    RispondiElimina
  27. Curiosa di vedere il tuo blog, l'ho aperto e....che visione!!! Un buon piatto di minestra che mi ha ingolosito anche se avevo appena pranzato, io adoro le minestre!!!
    Sono contenta di averti conosciuto, ora sfoglio il tuo blog che so già che mi piacerà tanto, anche per le immagini grandi che invogliano a provare le tue ricette, ciao!

    RispondiElimina
  28. Siete stati in viaggio di nozze in Normandia! Ah che meraviglia.. io ci ho vissuto un anno! Sono posti bellissimi e ricchi di cultura!
    La pasta caldina ogni tanto ci vuole:)
    a presto:**

    RispondiElimina
  29. che meraviglia, non l'avevo mai provato a fare;) grazie xl'idea, e complimenti

    RispondiElimina
  30. che bello!! buon anniversario (vale anche se in ritardo-il mese è lo stesso:=) e questo piatto è favoloso, io lo replicherei con il tuo stesso formato di pasta che mi piace tantissimo e mi ricorda le minestre della nonna!
    buon fine settimana,
    Vale

    RispondiElimina
  31. Gli auguri valgono lo stesso anche se in ritardo????? Caspita ma sai che io non mi ricordo qual'è stato il primo piatto cucinato da sposina?????Una cosa è certa...tu l'hai preso per la gola....bacini

    RispondiElimina
  32. Ciao dolcissima, complimenti davvero. Ho letto il tuo racconto e mi è piaciuto davvero tanto. Il vostro viaggio di nozze è stato meraviglioso e i luoghiche hai visitato piacerebbe tanto anche a me conoscerli, mi hanno sempre affascinato. E poi il tuo racconto parla dell'amore, e non c'è cosa più bella!!! Auguroni per il vostro anniversario e vado subito ad aggiungere la ricetta che è davvero buona! Pasta e patate la faccio spesso anche io nelle giornate fredde ma i funghi non li ho mai aggiunti, mi hai dato un'ottima idea. Mi piace la tua pasta e poi è stata la prima che hai preparato, ha un valore speciale. Un bacio grande tesoro, aggiungo ora la ricetta.

    RispondiElimina
  33. che invitante!!!! bravissima Emanuela!!!

    RispondiElimina
  34. Bellissima storia, che bello ricordare il primo piatto cucinato dopo le ozze, è fantastico, sono contentissimo di averti nel contest a presto

    RispondiElimina
  35. eccomiiiii!....mmmmm che buona, per l'autunno e' ideale! vorrei provarla :))) baciii

    RispondiElimina
  36. que buen post. Muchas gracias por la info

    RispondiElimina