lunedì 14 novembre 2011

Carbonnade à la flamande con quenelles di stoemp


Uno degli aspetti più belli del viaggiare è proprio legato alla possibilità di conoscere le tradizioni e la cultura gastronomica dei paesi che ci ospitano. Non sempre, a dire il vero, si rimane soddisfatti dall'incontro ravvicinato con piatti tipici di terre straniere, soprattutto se ci si ostina a fare un paragone con le nostre tradizioni, che non possono che essere diverse.
Io se vado all'estero torno a casa comunque sempre molto contenta del bagaglio di spunti culinari che mi riporto dietro, eventualmente da rielaborare o adattare ai nostri gusti.
Il bello del cibo è che si può "viaggiare" anche stando in pantofole sul divano della propria casa...o, alle volte, andando al ristorantino dietro l'angolo, che nel mio caso è una brasserie belga.
Non sono mai stata in Belgio, ma a casa rielaboro spesso, a modo mio naturalmente, le proposte della brasserie, che è il posto dove mangiamo più spesso quando non ci va di rimanere a casa, ma l'uscita non vuole essere "impegnativa": con pochi passi siamo a destinazione e la cucina è buona.

Vi propongo quindi la mia versione della Carbonnade, un piatto sicuramente noto ai più, che alla brasserie servono sullo Stoemp, una crema di patate ripassata in padella con delle verdure di stagione stufate. Io con lo Stoemp ho fatto delle quenelles e come verdure ho utilizzato il porro e le carote, che possono essere sostituiti da spinaci, broccoli, catalogna o da quello che volete voi.


Carbonnade à la flamande con quenelles di Stoemp
Dosi per due persone

Ingredienti

per la Carbonnade
500 g di spezzatino di vitello
1 bottiglia di birra scura da 33 cl (io ho usato una Leffe)
1 cipolla bianca
1 foglia di alloro
1 cucchiaio di burro
1 cucchiaio d'olio
sale e pepe
una spruzzatina di aceto
1 cucchiaino di zucchero di canna
brodo (eventualmente per completare la cottura, se dovesse essere necessario, a me non è servito)
senape in grani (io non l'avevo e quindi non l'ho utilizzata)

per le quenelles
2 patate
1 noce di burro
1 cucchiaio d'olio
2 carote
1 porro
qualche cucchiaio di latte (solo se dovesse servire, per ridurre in crema le patate)

Procedimento

Facciamo scaldare un tegame dal fondo spesso, vi sciogliamo il burro con l'olio e rosoliamo la carne a fiamma vivace con l'alloro, fino a quando sarà ben colorita su tutti i lati. Dopo circa 15 minuti saliamo e pepiamo. Togliamo la carne e la teniamo in una ciotola. Nel tegame facciamo appassire la cipolla affettata sottilmente a fiamma bassa, fino a quando sarà morbida.  A questo punto rimettiamo la carne con i succhi che avrà rilasciato, mescoliamo alla cipolla e versiamo la birra. Copriamo il tegame e lasciamo sobbollire anche per  2 ore e 1/2 o comunque fino a quando la carne risulterà molto tenera. Se necessario bagnamo con un po' di brodo per portare avanti la cottura. Mezz'ora prima che la cottura sia terminata aggiungiamo lo zucchero di canna e l'aceto ed eventualmente anche la senape.
Mentre la carne cuoce lessiamo 2 patate e lasciamo appassire in una padella con l'olio le carote tagliate a cubetti e il porro a rondelle. Quando le patate sono pronte le schiacciamo, ancora bollenti, con l'attrezzo apposito, vi mescoliamo il burro, sale e pepe e le amalgamiamo alle verdure in padella. Le possiamo servire come un purè o facciamo delle quenelles aiutandoci con due cucchiai.

Note
 - Sia la ricetta della Carbonnade che la ricetta dello Stoemp risultano un po' alleggerite rispetto agli originali. In entrambe ho diminuito il quantitativo di burro a favore di una parte di olio. Lo stoemp può essere arricchito ulteriormente con panna e pancetta: la panna si aggiunge alle patate schiacciate, la pancetta si rosola in padella con le verdure.
 - Uso spessissimo la birra in cucina, non solo nella cottura di carni varie, ma anche per il pesce, per gli impasti o per le pastelle. In questo caso mi piace usare una birra belga.

Con questa ricetta partecipo al contest di Valentina



38 commenti :

  1. con questo saporitissimo piatto mi hai fatto ricordare una mia amica belga Leila:erà bravissima a cucinare...behhh questo tuo spezzatino e da leccarsi i baffi:)

    RispondiElimina
  2. Ho letto tempo fa la ricetta de la Carbonnade in una vecchia rivista e mi aveva stuzzicato, ma non l'ho ancora fatta. Deve essere buono, mi piace molto questa tipologia di piatti.

    RispondiElimina
  3. La Carbonade! Mi piace tantissimo ma non l'ho mai riprodotta.
    Salvo sicuramente la ricetta :-)

    RispondiElimina
  4. Ciao Cara!
    Complimenti per la ricetta. Sono molto interessta allo stoemp, per cui rubo la ricetta e riproduco, col tuo permesso :)

    RispondiElimina
  5. Cara Emanuela, non conosco questo piatto ma come ogni cosa prodotta nella tua cucina, ha un aspetto divino!


    Un abbraccio

    Viviana

    RispondiElimina
  6. Mai cucinata la Carbonade! Il tuo piatto é davvero appetitoso, brava! (prendo spunto :-)) Baci, buona serata.

    RispondiElimina
  7. Con questo titolo stavo già viaggiando, e per magia mi sono trovata nella brasserie e davanti avevo un'ottima birra belga.....che meraviglia!!!grazie per averla condivisa!

    RispondiElimina
  8. complimenti peer l'inventiva sara gustosissima buon inizio settimana

    RispondiElimina
  9. Piatto ricco mi ci ficco è proprio il caso di dirlo!!!Ottimo veramente!!!Baciotti!

    RispondiElimina
  10. Non conoscevo questa ricetta ma mi piace molto! anche per come l'hai presentata!!
    Ciao e buona serata!

    RispondiElimina
  11. non conoscevo questo piatto!!! grazie, deve essere ottimo ^_^

    RispondiElimina
  12. Un piatto molto elegante e sicuramente gustosissimo! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  13. Che bel piatto...alta cucina!!! e poi la presentazione e' come sempre impeccabile!

    RispondiElimina
  14. Mi sa che ti copio anche questa!!! Mi ispira moltissimo!!! Bravissima come sempre!!! In bocca al lupo per il contest
    Baci

    RispondiElimina
  15. Questo lo metto volentieri tra i piatti dei viaggi.. complimenti davvero che lo hai saputo riprodurre al meglio!
    a presto:*

    RispondiElimina
  16. una ricetta originale, almeno per me che nn l'ho mai assaggiata neanche nel paese d'origine,infatti il belgio mi manca......sarà da visitare!!!.....vedremo!
    un bacio

    RispondiElimina
  17. Quando abitavo a Parigi, la nonna di un compagno di mio figlio preparava tutti i giorni il purè di carote e patate ai nipoti (e lo faceva anche per noi!).
    In Francia lo trovi già pronto in busta, surgelato.
    Io ho provato più volte a farlo, ma come lo fanno loro, è IMPAREGGIABILE.. una goduria.
    devo provare a farlo ancora...le tue quenelles me lo ricordano...

    RispondiElimina
  18. Io quando torno a casa da qualche viaggio all'estero finisco sempre per apprezzare ancora di più il nostro cibo.
    Però, ovviamente, tutte le cucine del mondo hanno dei piatti che porteresti con te rientrando a casa.

    RispondiElimina
  19. Attrae molto anche me. Come Araba Felice, salvo e ripeterò presto!

    RispondiElimina
  20. Un piatto ricco e gustosissimo, complimenti Emanuela!!!!!

    RispondiElimina
  21. Interessantissime le quenelle da intingere nel sugo, mmmmmmmmmmmmmmmm Buona giornata :-)

    RispondiElimina
  22. Anch'io quando vado in viaggio mi piace portarmi i prodotti tipici!Questo piatto devo ammettere che è molto invitante!Mille complimenti!Brava e anche ben presentato!Lolly

    RispondiElimina
  23. Se si viaggia, con l'animo sgombro da pregiudizi, il bagaglio si arricchisce sempre. Di nuovi profumi, sapori, idee, spunti. Che poi, possono essere riproposti nella versione originale, o con delle variazioni.
    La tua carbonade è un delizioso esempio: hai realizzato un piatto splendido, adattandolo al tuo gusto.
    Brava Emanuela, leggere il tuo blog è sempre un grande piacere! ^-^
    Un bacione

    RispondiElimina
  24. L'ho vista ieri da una mia amica foodblogger e mi è piaciuta molto! Complimenti anche epr la tua ricetta!! baci e buona giornata :-D

    RispondiElimina
  25. Ciao Manu! Bravissima! Anche a me piace mangiare fuori e scoprire piatti e sapori nuovi da combinare e sperimentare nei fornelli della mia cucina..e il tuo piatto mi incuriosisce e m'ispira..brava! Bacini

    RispondiElimina
  26. che acquolina, complimenti!!

    RispondiElimina
  27. Cocnordo pienamente, adoro viaggiare e cosi scoprire anche gusti nuovi:) Questa me la segno perchè sembra davvero buono!

    RispondiElimina
  28. ottimi sia la carbonnade sia le quenelles , davvero gustosi , brava !! Un bacio

    RispondiElimina
  29. ciao manu' sono passata volentieri a trovarti e anche a seguirti, hai un blog interessantissimo poi questa ricettina era proprio da commentare in quanto lo spezzatino e' uno dei miei piatti preferiti poi l'associazione con queste quenelle non mi dispiace affatto complimenti per questo succulento piatto. a presto!

    RispondiElimina
  30. eccomi!! grazie per questa ricetta, c'è sempre da imparare e grazie a questo contest scopro tante ricette nuove. E' da tempo che dico di provare una preparazione con la birra e poi...non lo faccio mai. Tenterò questo piatto prima o poi:))
    Grazie ancora e aggiorno subito la lista europea! un abbraccio, Vale

    RispondiElimina
  31. Io l'adoro e ogni tanto la preparo... ma non l'ho mai mangiata "sul posto"! Bacione

    RispondiElimina
  32. Un gran plato bello y sabroso me encanta,grandes abrazos.

    RispondiElimina
  33. buonissimi questi piatti invernali, veri e propri confort food!Un abbraccio...

    RispondiElimina
  34. buonissimo questo piatto dove cè il sughetto dove si può intingere sono i miei preferiti buono che fame!!!!!

    RispondiElimina
  35. Emy, m'è venuta 'na fame!!!
    Un piatto completo, mi piace moltissimo! Sulla tenerezza dello spezzatino mi sono sciolta, ma anche le quenelles sono da provare, facili facili e nutrienti! Bacioni cara, grazie mille per questa bella idea!

    RispondiElimina
  36. Per il freddo di questi giorni è un piatto perfetto...e che gusto!

    RispondiElimina
  37. che bel piatto, perfetto per questo periodo!baci!

    RispondiElimina